Dipinto della Scuola Toscana della seconda metà del XVI secolo.

In interno di una ambiente casalingo si svolge la scena dove Madonna tiene il Gesù bambino sorridente in braccio. Piccolo San Giovannino porge in dono un vassoio con la frutta al Cristo. Sulla sinistra in secondo piano vediamo San Giuseppe
Come una quinta teatrale la scena è incorniciata dalle tende di color verde profondo con i ricami in oro sul bordo.
Particolarmente bello e grazioso è il viso della Maria, giovanissima, con la testa coperta da velo ed il vestito porpora, leggermente violaceo: colore dei famosi tessuti di lana prodotti per secoli a Firenze. Gli accostamenti di colori sono tipici del periodo tardo – manieristico.

Tecnica: olio su legno.
La tavola di legno ha lo spessore di circa 2,5 cm.
Sul retro della tavola c’è una traversa antica e dei tasselli a forma di farfalla messi per rafforzare la struttura delle tavole di legno durante il restauro in passato. Infatti qualche piccolo ritocco si trova proprio in corrispondenza della gi

iunzione delle due tavole.

Ci sono alcuni vecchi restauri, dovuti al naturale stagionatura del legno, ed alle piccole modifiche dell’umidità del aria. Il viso del San Giovannino e i capelli di Maria hanno ritocchi pittorici.
I colori delle vesti della Madonna mantengono la loro originale luminosità.
Nel insieme dipinto da una sensazione delle ben misurate proporzioni e grazia.
I lati (altezza e larghezza) sono in rapporto 3:4. Altezza 60 cm, larghezza 45 cm.